Split Payment

  • Servizio attivo


Descrizione

Split payment PA: si applica alle operazioni fatturate a partire da 1° gennaio 2015

Dal 2015 per la Pubblica Amministrazione al via la scissione dei pagamenti dell’IVA

Lo split payment «arriva» in fattura. I fornitori delle Pubbliche Amministrazioni interessate dalla modifica introdotta dall’ultima legge di stabilità dovranno utilizzare l’annotazione «Scissione dei pagamenti».
Saranno inoltre chiamati a emettere la fattura evidenziando, comunque, l’imposta e devono indicarla a debito nei registri Iva disciplinati dagli articoli 23 e 24 del Dpr 633/1972 senza però farla partecipare alla liquidazione di periodo.

L’Art. 1, comma 629, lettera b), della Legge di Stabilità 2015 (L. 190/2014) ha introdotto per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate nei confronti della pubblica ammini¬strazione il metodo della scissione dei pagamenti dell’IVA, cosiddetto Split Payment. Pertanto il Comune è tenuto a versare direttamente all’Erario l’Iva addebitata dai fornitori e pagare a quest’ultimi solo l’imponibile.

Il meccanismo della scissione dei paga¬menti si applica alle operazioni fatturate a partire dal 1° gennaio 2015. Non si applica agli acquisti di beni e alle prestazioni di servizi soggetti al “reverse charge” e ai compensi per prestazioni di servizio assoggettate a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito.

Maggiori informazioni sul comunicato stampa del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

 

Accedi al servizio

Documenti

7504_split payment

pdf - 26 kb

Contatti

Unità Organizzativa responsabile
Argomenti:

Ultimo aggiornamento: 04/08/2023, 09:05

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Rating:

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Icona